Vai direttamente al contenuto principale
Sei in: home > il museo > sezione educativa

Sezione educativa

documentazione delle visite

Attività didattiche

Il Museo del Territorio offre al pubblico delle scuole primarie attività didattiche finalizzate alla comprensione del patrimonio locale e di tematiche inerenti lo stesso.

Gli obiettivi che il museo si prefigge sono i seguenti.

Prendere coscienza della ricchezza e della complessità della storia locale.

Nel paese in cui viviamo, quale è il patrimonio dei saperi e delle esperienze dei suoi abitanti nel passato, sia remoto, sia recente?

Il museo offre varie sezioni dedicate:

  • ad alcuni personaggi importanti nati o vissuti  a San Daniele e nel suo territorio: Giuseppe Vidoni, medico e collezionista; Erasmo Contardo, medaglista; Vincenzo Gattoli, impiegato comunale ed appassionato pittore;
  • alla presenza di una comunità ebraica locale e di un cimitero ebraico ancora utilizzato;
  • alle testimonianze archeologiche ed artistiche di epoca romana, medievale e moderna;
  • al patrimonio etnografico, riguardante in particolare l’attività agricola, la lavorazione del prosciutto, l’allevamento dei bachi da seta, la produzione degli scarpez.

La conoscenza di queste realtà favorisce la sensibilizzazione e la consapevolezza della necessità di “prendersi cura” del proprio territorio, per evitare che le sue testimonianze vengano trascurate o distrutte.

Intendere il museo come luogo di conservazione e di valorizzazione del patrimonio culturale.

Si promuove, nell’approccio alla realtà museale, la consapevolezza che il suo patrimonio costituisce una risorsa di formazione continua individuale ed una proposta di crescita economica e culturale per tutto il territorio. Non si attuano quindi semplici “visite” al museo, ma attività interattive, che favoriscano comportamenti di rispetto per sé, per gli altri e per le gli arredi e le attrezzature, ispirati al senso di responsabilità, autonomia e socialità.
A questo proposito si prestano i laboratori che, oltre ad offrire conoscenze pratiche (fare il pane, imparare ad usare i 5 sensi, orientarsi nei percorsi museali, riprodurre, disegnare ed interpretare oggetti, utilizzare specifici linguaggi disciplinari) favoriscono il rispetto delle regole organizzative, i comportamenti autonomi e responsabili, la socializzazione, l’educazione alla cittadinanza, alla salute e all’ambiente.

Riflettere e ritrovare le radici della nostra tradizione religiosa, in particolare quella mariana.

Maria è una figura facilmente riconoscibile nelle produzioni sia pittoriche che scultoree, ma fino a che punto si è in grado di recepire i diversi messaggi che i committenti hanno voluto trasmettere associando alla Madonna segni e simboli dai contenuti più variegati? Sono validi ancora per donne e uomini d'oggi? E di quali vicende queste opere sono testimonianza?

Programma delle attività per l'anno scolastico 2015/2016

clic sulle immagini per ingrandirle
Pagina 1 Pagina 2 Pagina 3 Pagina 4

museodelterritorio@gmail.com